Donatella Soro – La Moda oltre la Moda

Non ho scelto la moda: è stata la moda ad aver scelto me, in un momento di grande confusione esistenziale” – esordisce così Donatella Soro nell’aprire le porte al suo racconto di una vita dedicata alla bellezza e allo stile di lusso.

Una rivelazione inaspettata, molto giovane, che la conquistò all’età di ventiduenne e la cui passione si fece ancora più forte circa due anni dopo il suo primo approccio. La confusione di un momento di vita e la possibilità di muovere i primi passi nel negozio di famiglia scuote in lei una certezza sempre più viva: oltre la pura attività di vendita, mai avrebbe pensato che proprio la moda, nella sua concezione più profonda, sarebbe diventato il suo mondo.
Ecco che la ricerca incessante del bello e del desiderabile conduce a un appassionante avvicinamento ai tessuti e forme, nella complessa espressione di un Io interiore che Donatella Soro ama indagare. Per questo progetto sempre in trasformazione e mai banale, fondamentale la percezione di nuovi prodotti, la commistione degli stessi e l’attenzione a mutevoli target.

In un clima di perenne cambiamento e (ri)volto al rinnovamento incessante, Donatella Soro pone il suo presente a favore di nuovi progetti. Il suo dialogo con il mondo dello stile prosegue con l’intento di confrontarsi, giocare e donare incanto.

Ecco che, fra tutti, il progetto resta indissolubile e di grande aspirazione: andare con la moda oltre la moda.
La moda ha un senso se rivela, trasforma, dona valore personale, rende sicuri, aiuta a vedere la nostra bellezza, qualunque sia il significato che le diamo. Per me la bellezza è poesia: ritmo, musicalità, armonia, difficile da definire ma che rapisce tutti i sensi” – rivela Donatella Soro, firma di Donne Lab e Art Director di About eLLe, progetti di prestigio dedicati alle determinate anime femminili che tra passato, presente e futuro creano un vero segmento luxury brand made in Italy.
L’impronta femminile segna indelebile ogni percorso rendendolo riconoscibile.

 

E allora ci si domanda: Una donna imprenditrice della moda: quale valore aggiunto esprime?
Confrontando la mia selezione, con quella dei miei colleghi maschi, capisco che una donna è in grado di parlare dell’interiorità femminile che nessun uomo può conoscere. Ho l’impressione che le scelte degli uomini e anche di molte donne si basino, sovente, sull’elemento fisico, creando cesura con l’interiorità, realizzando repliche anonime, per me banali, perché prive di pensiero” – sottolinea la signora Soro.

 

Impensabile tralasciare il fatto preminente che Donatella Soro sia buyer, designer e intenditrice di stile tra le più affermate e rispettate dal grande sistema moda. Lei fu l’ideatrice-owner di Donne Concept Store, meta oltre che boutique dei pochi di riferimento store in Italia che identificasse il lusso di tendenza.
Ecco perché la sua clientela è affezionata e ritrova nel suo sguardo un fidato estro e un attento giudizio. Tra le sue peculiarità quello di comporre come in una grande tela: colori, tessuti, elementi grafici in grandi spazi in cui incontrarsi. La stessa collezione si crea come un puzzle, grazie alla commistione di più brand che, al meglio, sono eco di innovazione. Un codice stilistico preciso riesce per Donatella Soro a essere quindi identità per ogni donna che lo indossa. Una terza caratteristica è di certo la sua empatia e riuscire a regalare alle sue amate clienti, all’interno dello spazio di vendita, un percorso di giocosa sinergia.
Posso aggiungerne una quarta caratteristica che mi si riconosce? Una visone critica, derivante dal mio bagaglio estetico culturale e dalla capacità di ascolto, che mi concede di proporre non un abito ma l’abito” – riferisce con sincera riflessione l’imprenditrice Donatella Soro.

Nella sua lunga esperienza Donatella Soro ha incontrato una vasta clientela, scontrandosi anche con esigenze disparate, convinzioni da fashion victims lontane dal suo spirito.
Mi mettono in difficoltà le donne che considerano l’aggressività un valore, coloro che scelgono l’esposizione del corpo come uno strumento di competizione e seduzione, utilizzando un linguaggio inflazionato” – ammette l’imprenditrice.

Tante sono le iniziative a cui aspira Donatella Soro, la sua mente è fucina creativa in divenire e questo omaggia le donne, sue clienti fedeli e coloro che lo diventeranno, di un respiro stimolante e di costante mutamento.
Ho amato tutto ciò che ho fatto. Oggi sono entusiasta del mio nuovo progetto, Donne Lab, che nel nome contiene già il concetto di sperimentazione. Un progetto in itinere, confezionato con persone allineate alla mia visione, incentrato su un concetto di responsabilità sociale volto a migliorare il mondo” – conclude Donatella Soro che si conferma esempio di imprenditoria lucida propensa al bello in tutte le sue sfumature, esterne e interiori, presenti e future, visibili e profonde verso un’attenta crescita di alta professionalità, 100% Sardinia.

 

Federica Abozzi

 

Federica Abozzi

Federica Abozzi

Appassionata di scrittura da quando ho ricordo, grazie a una svolta inaspettata, riprendo e rinnovo il mio desiderio di mettere su fogli bianchi: parole e fantasia. Amo raccontare vite e vicissitudini con empatia e creatività. Scrivo rigorosamente con carta e penna tra scarabocchi e grafia incomprensibile, così che ogni pezzo respiri di autenticità.

GUARDA ANCHE

Play Video
Play Video