Vittorio Alfieri – Vita di Vittorio Alfieri da Asti scritta da esso

Un’autobiografia, datata 1806 e quindi pubblicata postuma (anche se poi verrà datata 1804), che permette al lettore di immergersi all’interno della vita di Vittorio Alfieri, uno dei pilastri della letteratura italiana a cavallo tra il Sette e l’Ottocento.

NASCITA, VITA, MORTE: UN TUFFO NELL’UNIVERSO DI ALFIERI

Dall’infanzia, in cui Vittorio manifesta i primi interessi per la letteratura e lo studio sino all’adolescenza vissuta in un collegio sino ai primi amori “sciocchi e vili”, come racconta l’Autore. Nel mezzo, le sue opere, la sua voglia di imparare ed il motto “Volli, e volli sempre, e fortissimamente volli”.

PERCHÉ LEGGERLO

Per comprendere appieno un autore come Alfieri, fulcro della Letteratura italiana (ricordiamo, giusto per citare qualche opera, “Saul”, “Adelchi”, “Agamennone”), è fondamentale leggere ciò che Alfieri pensa e ricorda di sé stesso. La sua formazione, la sua ostinatezza, il suo carattere forte e volitivo ed una fragilità che poi trasparirà nelle sue opere. Se avete qualche pregiudizio sulle opere di Alfieri, provate a scoprire chi era davvero il Conte Vittorio Alfieri da Asti.

A. b. C. Alberto Caboni

A. b. C. Alberto Caboni

Nato l’anno dopo il trionfo del Mundial Spagnolo nella millenaria città di Cagliari, muove i suoi primi passi con una penna in mano, alla ricerca costante di fogli bianchi da riempire di lettere, parole, periodi, paragrafi. Dietro l’acronimo-pseudonimo si nasconde un essere senza volto (o quasi).

GUARDA ANCHE

Riproduci video