Stephen King – Buick 8

Una Buick 8 accosta ad una stazione di servizio. Il guidatore, un personaggio enigmatico e misterioso, scompare. La macchina viene portata alla locale stazione di polizia. Una volta arrivata, i poliziotti scopriranno che non è una “semplice” auto.

UNA MACCHINA MISTERIOSA: PASSATO, PRESENTE E FUTURO SI INTRECCIANO

Presente e passato si incrociano nella chiacchierata che il Capitano della locale stazione di polizia fa con il figlio di un suo carissimo collega, da poco venuto a mancare. E la Buick 8, tra passato e presente, continua a stupire tutti.

PERCHÉ LEGGERLO

Scritto da Stephen King nel 2002 e ambientato in Pennsylvania –non nel “suo” Maine-  “Buick 8” è un tuffo nel puro stile del “Maestro dell’Orrore”, in cui nulla è quello che sembra e tutto può divenire incredibilmente strano, pericoloso, “weird”. Scorrevole nonostante le quasi 500 pagine, è da leggere sotto l’ombrellone. Mi raccomando, se trovate per strada una Buick 8, fate attenzione: “ci sono Buick dappertutto”. Parola di Stephen King.

 

Picture of A. b. C. Alberto Caboni

A. b. C. Alberto Caboni

Nato l’anno dopo il trionfo del Mundial Spagnolo nella millenaria città di Cagliari, muove i suoi primi passi con una penna in mano, alla ricerca costante di fogli bianchi da riempire di lettere, parole, periodi, paragrafi. Dietro l’acronimo-pseudonimo si nasconde un essere senza volto (o quasi).

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video