Stefania Cassetta – Come un fiore di cera

Come un fiore di cera è il nuovo romanzo della scrittrice Stefania Cassetta, definito dai lettori come un libro coinvolgente. Questa storia di famiglia è stata considerata come un romanzo mozzafiato che tratta piacevolmente delle tematiche attuali di tenore drammatico. Un tipo di narrativa che riesce a coinvolgerti e ti trascina verso un proprio giudizio. La trama racconta la storia dei due protagonisti, Damiano e Vanessa, marito e moglie che avevano scelto una vacanza da sogno per una evasione o almeno così credevano. Ma purtroppo non è stato così: alla continua ricerca di nuovi stimoli, Vanessa incomincia a mettersi in mostra sui social network, a cercare la compagnia di altri uomini trascurando il marito e anche le figlie. Damiano, il marito, per non vedere la coniuge insoddisfatta cerca di fare buon viso a cattivo gioco e accetta questa strana situazione che lo rende triste e solo.

Il romanzo, quindi, si rivela molto dinamico e trascina il lettore alla curiosità quando un nuovo amore entra nella vita della protagonista femminile: lei diventerà ancora più sfrontata, determinata a prendersi la propria felicità a qualsiasi costo, dando inizio a un crudele gioco che costringerà Damiano a rincorrere chi si è già allontanato. Per la scrittrice, Stefania Cassetta, “come un fiore di cera” è il suo romanzo d’esordio dopo che negli ultimi anni si è cimentata nella scrittura e ha ricevuto molti riconoscimenti.

C’era un’ora precisa, a metà tra il tramonto e il primo crepuscolo, che gli piaceva di più. L’ora in cui i contorni delle ombre sfumano fino a scomparire, l’aria assume un colore opalescente, come l’interno di certe conchiglie, e si fa leggermente più fredda. L’ora in cui si illuminano i lampioni nelle strade e le cucine si riempiono di odori e parole; l’ora delle televisioni accese e degli appuntamenti galanti. E proprio in quel momento, dopo settimane di buio e silenzi, Damiano scelse di uscire. Si incominciavano a intravedere i primi segni della fine dell’autunno, la stagione della pioggia, in cui le giornate diventano più brevi e le foglie, ormai ingiallite, abbandonano il ramo lasciandosi cadere a terra. Scese le scale senza fretta, facendo scivolare la mano sulla ringhiera polverosa. Aprì il portone e il freddo all’esterno lo sorprese come l’arrivo improvviso di un vecchio amico. A passi lenti sul selciato, rivolse lo sguardo alle facciate dei palazzi.

 

Picture of Vanessa Amico

Vanessa Amico

Siciliana doc, classe 1990, amante di esplorare posti nuovi, curiosa di tutto ciò che mi circonda, ho fatto di questo difetto (forse) il mio più grande pregio: amo scrivere, adoro raccontare. Oltre che collaborare per il periodico GpReport.it, scrivo per il blog di una web radio e per il quotidiano La Sicilia.

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video