Mario Calabresi – Spingendo la Notte più in Là

Mario Calabresi – Spingendo la Notte più in Là

17 maggio 1972. Il Commissario Luigi Calabresi, ritenuto da alcuni come colpevole della sventurata morte del ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli, è ucciso sotto casa. Come succede quando un genitore scompare così follemente e improvvisamente?

MARIO E LUIGI: DUE VITE CHE SI SFIORANO

Mario Calabresi ha due anni quando suo padre viene ucciso. Crescerà con una super Mamma, comprendendo pian piano tutto quell’oscuro disegno, fatto di mezze rivelazioni e dettagli mai scoperti, che hanno portato alla morte di Pinelli, all’accusa mossa a suo padre da parte di “Lotta Continua” e relativa esecuzione

PERCHÉ LEGGERLO

Scritto nel 2007 da Mario Calabresi, “Spingendo la Notte più in Là” è un racconto di come si possa e si debba andare avanti, anche quando si perde una persona cara. Nel caso dei Calabresi, sia Mario sia suo fratello (nel grembo materno al momento dell’omicidio paterno), l’unità della famiglia è stata fondamentale. Da leggere, anche per vedere tutta quell’aspra e misteriosa faccenda da un latro punto di vista: chi perde qualcuno e rimane qui a difenderne la memoria.

 

A. b. C. Alberto Caboni

A. b. C. Alberto Caboni

Nato l’anno dopo il trionfo del Mundial Spagnolo nella millenaria città di Cagliari, muove i suoi primi passi con una penna in mano, alla ricerca costante di fogli bianchi da riempire di lettere, parole, periodi, paragrafi. Dietro l’acronimo-pseudonimo si nasconde un essere senza volto (o quasi).

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video