Gaetano Pecoraro – Il male non è qui

Siamo abituati a vederlo nei panni di “iena” il giornalista Gaetano Pecoraro. A giugno di quest’anno, invece, ha esordito con la pubblicazione del suo primo libro, Il male non è qui. Edito da Sperling&Kupfer ripercorre alcune delle vicende più buie degli ultimi decenni e ci consegna una storia ricca di colpi di scena.

Il libro ruota intorno al boss latitante Matteo Messina Denaro, considerato tra i mafiosi più pericolosi e ricercati al mondo. Gaetano Pecoraro nelle vesti di autore ci consegna pezzi di storia piena di intrighi intrecciati, con misteri, zone d’ombra e lacune.

Il protagonista del romanzo è Mimmo Bosso, magistrato alle prime armi che ritorna in Sicilia dopo anni di studi trascorsi al Nord. È volenteroso e preparato, ma non c’è nessuna missione da crociato ad attenderlo, nessun ideale cui dare sfogo. Eppure, in Procura il clima è incandescente e sulle scrivanie degli inquirenti si accumulano le carte di un grosso caso che coinvolge il gotha della mafia siciliana.

Mimmo Bosso impiega poco a capire che il suo non sarà un lavoro facile, però non si è reso conto che che un’indagine all’apparenza secondaria lo porterà sulle tracce di colui che passerà alla Storia come il più pericoloso latitante italiano: Matteo Messina Denaro. MMD.

Mentre il Paese intero è scosso dalle stragi di Capaci e di via D’Amelio e il terrore viene seminato nel resto della penisola. Come porre fine a tutto questo? Come stanare un uomo che da anni assomiglia a un fantasma e sembra essere sparito nel nulla? Nessuna pista pare attendibile e le tracce di MMD si sono perse in un dedalo di indizi, teorie, ipotesi e vicoli ciechi.

“In quel torrido agosto, Mimmo Bosso si era reso conto che c’erano dentro, più o meno marginalmente, tutti i livelli del potere costituito. A preoccuparlo maggiormente, però,era il potere non costituito. Quelli Come il notaio Pietro Giambrone, per esempio, che si barcamenavano con disinvoltura nella sottile zona grigia tra Stato e contro-Stato”

 

Picture of Vanessa Amico

Vanessa Amico

Siciliana doc, classe 1990, amante di esplorare posti nuovi, curiosa di tutto ciò che mi circonda, ho fatto di questo difetto (forse) il mio più grande pregio: amo scrivere, adoro raccontare. Oltre che collaborare per il periodico GpReport.it, scrivo per il blog di una web radio e per il quotidiano La Sicilia.

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video