Alessia Denaro – Il castello della felicità

Romanzo di esordio per Alessia Denaro, avvocato di origini siciliane ma trapiantata a Roma dove esercita la sua professione e vive con il marito e i suoi figli. Il castello della felicità è per la scrittrice un sogno che finalmente si avvera. Un romanzo destinato a un lettore giovane, un libro per ragazzi.

Come si evince dal titolo si mette in evidenza il tema della felicità. Una narrazione di facile lettura, comprensibile e piacevole. Il racconto tratta la storia di un padre e di un figlio. Il primo è troppo ottimista, l’altro troppo pessimista. Due poli opposti tra loro. L’uno l’estremo dell’altro.

Tristano De Felicis è un bambino di dieci anni, che ama le zucchine bollite ma non riesce mai a guardare le cose dal lato positivo. Suo padre, il barone De Felicis III, è il proprietario del castello della felicità, uno sperduto maniero dove si pratica anche un trattamento per ritrovare il buonumore.

Tristano odia i dolci e si dispera per ogni cosa; Il Barone, suo padre, invece, quando capisce di non riuscire a rendere felice il proprio figlio, decide di convocare a corte una serie di dottori, provocando la fuga di Tristano, deciso a evitare la cura di gelati.

Il romanzo di Alessia Denaro è un inno all’importanza di accogliere tutte le emozioni, belle o brutte che siano e soprattutto al valore inestimabile della condivisione: la vera ricetta della felicità.

 

Vanessa Amico

Vanessa Amico

Siciliana doc, classe 1990, amante di esplorare posti nuovi, curiosa di tutto ciò che mi circonda, ho fatto di questo difetto (forse) il mio più grande pregio: amo scrivere, adoro raccontare. Oltre che collaborare per il periodico GpReport.it, scrivo per il blog di una web radio e per il quotidiano La Sicilia.

GUARDA ANCHE

Riproduci video