Un addio che pesa: la morte di Gianfranco Fara

Il 25 Novembre, da quest’anno, sarà una data da ricordare per lo sport sardo e non, purtroppo, per un qualcosa di felice e positivo: si è spento infatti, a Cagliari, Gianfranco Fara, uomo simbolo dello sport e del Coni sardo, di cui era presidente. Nato a Martis – comune con poco meno di cinquecento abitanti in provincia di Sassari – ha dedicato i suoi 82 anni di vita alla diffusione, allo sviluppo e alla promozione dello sport in Sardegna, consapevole dell’importanza che esso ha a livello etico, sociale e formativo. Grande cultore della pallacanestro – è stato uno dei più importanti presidenti della Società Russo (ora Pirates Accademia Basket) in cui sono cresciute alcune delle più significative ‘’mani calde’’ del basket sardo – ha ricevuto nel marzo del 2017 il rinnovo per il suo quarto mandato di presidente del Coni regionale, dalla durata di quattro anni, che ahimè non è riuscito a portare a termine.

Ha dato tanto Fara al mondo sportivo, mosso da una sincera passione e da un desiderio di migliorarsi costantemente, sottolineando l’importanza del dialogo e della collaborazione tra le istituzioni scolastiche – un tempo fucine di talenti – e l’ambiente sportivo. Francois-Renè de Chateaubriand, fondatore del Romanticismo letterario francese – diceva: ‘’Una buona azione è una lezione insolente per quelli che non hanno la forza di farla’’. Fara è stato in grado di compierne tante di buone azioni per l’intero panorama dello sport isolano, dando una lezione significativa nel corso del suo operato e dimostrando quanto la passione e l’umanità – nel senso più ampio e letterale del termine – siano elementi fondamentali per la crescita e la maturazione di ogni individuo come atleta ma, cosa ancora più importante, come persona.

 

Mattia Lasio

GP Report

GP Report

GP Report, la testata giornalistica che ti tiene in continuo aggiornamento.

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video