Fantacalcio 2022/23 – 34° giornata

 

Il primo verdetto del campionato è stato emesso, con il Napoli che si è laureato campione d’Italia dopo trentatré anni, ma la stagione non finisce qui e si prepara a un turno di fuoco. Vediamo quali campioncini ha scelto GP Report per farvi districare in questo weekend di big match.

 

Portieri:

Silvestri (Udinese): L’estremo difensore dei friulani si sta confermando uno dei profili più costanti ed efficaci nell’interpretare il suo ruolo e anche grazie alle sue parate l’Udinese ha svolto un campionato parecchio positivo. Nell’ultimo incontro i bianconeri hanno dato filo da torcere anche al Napoli e crediamo che il match casalingo con la Sampdoria possa essere l’occasione adatta per prendersi la vittoria sfuggita contro i campioni. L’ex Hellas sarà sicuramente concentrato per far sì che ciò succeda e crediamo ci siano ottime chance che riesca a tenere la sua porta al sicuro.

Carnesecchi (Cremonese): il giovane portiere del grigio rossi si è distinto per una stagione positiva alla difesa dei pali dei lombardi e nonostante i tanti goal subiti si è messo in mostra per parate non banali. Nell’ultimo match con il Milan è stato determinante in più di un’occasione e se lo vuole essere ancora di più deve riuscire a difendere la rete nella partita dentro fuori che lo attende con lo Spezia. Con un trionfo dei suoi si riaprirebbe il discorso salvezza e per questo ci aspettiamo una prestazione attenta e di grande qualità.

 

Difensori:

Vojvoda (Torino): Il terzino granata ha avuto un andamento altalenante nel corso di tutta la stagione ma quando è stato in forma è quasi sempre riuscito a dare un contributo importante ai suoi compagni. In una formazione che gioca con gli esterni molto alti, lui è stato colui che serviva i palloni mentre dall’altra parte qualcuno cercava di insaccarli. Ben cinque i suoi assist fino a oggi e crediamo che contro un avversario valido ma abbordabile come il Monza possa aumentare il suo bottino grazie a uno dei suoi precisi cross.

Posch (Bologna): Il difensore emiliano è nel bel mezzo di un anno d’esordio nel nostro campionato da sogno e si sta distinguendo per essere una delle migliori new entry di tutta la stagione. La sua abilità difensiva è molto buona e la sua pericolosità quando si tratta di attaccare la porta avversaria è tra le più incisive tra i pari ruolo. Contro il Sassuolo dovrà affrontare un match non semplice ma crediamo avrà abbastanza libertà su qualche calcio piazzato per tentare di trovare il suo sesto centro stagionale.

Sernicola (Cremonese): L’esterno dei giallorossi è stato uno dei profili più interessanti della formazione lombarda durante tutto il corso del campionato, grazie alla sua duttilità di ruolo e alle qualità tecniche degne di nota. La sua spinta sulla fascia riesce a essere spesso molto efficace e ha partecipato alle reti dei suoi compagni in quattro occasioni trovando 2 goal e 2 assist. Contro lo Spezia sarà un incontro fondamentale se si vuole sperare di rimanere nella categoria e crediamo che il classe ’97 possa essere una pedina importante nel determinare il risultato finale.

Mazzocchi (Salernitana): L’esterno dei campani ha vissuto un avvio di stagione davvero superlativo, con addirittura due goal e due assist a segno nelle prime dodici, salvo poi vedere calare drasticamente le sue presenze a causa di un lungo infortunio. Nell’ultimo periodo sta ritrovando la continuità e nell’ultimo match contro la Fiorentina si è reso protagonista di sgroppate di altissimo livello. La gara con l’Empoli dovrebbe essere abbastanza equilibrata e chissà che non sia una sua giocata a indirizzarne l’inerzia.

 

Centrocampisti:

Frattesi (Sassuolo): Il centrocampista italiano è uno dei fari dei neroverdi e durante il corso del campionato è stato il sostituto qualitativo di Berardi nel portare alla vittoria i suoi. I sei goal messi a segno sono il frutto del suo grande talento e in molte altre partite si è reso pericolosissimo senza trovare la via del goal. Contro il Bologna ci si aspetta una bella partita tra due squadre divertenti e chissà che uno dei suoi inserimenti non possa rivelarsi decisivo ai fini del risultato.

Lovric (Udinese): Il centrocampista croato ha dato nuova linfa al centrocampo dell’Udinese e si sta rivelando un profilo sempre più interessante settimana dopo settimana. Nell’ultimo match contro il Napoli ha trovato un goal da assoluto fenomeno e chissà che l’ottima condizione fisica in cui si trova non lo porti a ripetersi anche questo weekend. La Sampdoria non è sicuramente attrezzata per inibirlo del tutto e ci saranno ottimi spazi per provare uno dei suoi tiri a giro, letali in più di un’occasione.

Koopmeiners (Atalanta): Il centrocampista olandese è diventato il punto fermo della mediana atalantina, in una stagione parecchio altalenante, e con la sua sicurezza ha guidato i suoi compagni anche nei momenti più complessi. Sei delle sue sette reti sono arrivate nel girone d’andata ma sembra che in questa volata finale abbia finalmente riacquisito lo smalto smarrito. Contro la Juventus sarà una partita fondamentale per la rincorsa alla Champions e chissà che non possa essere una sua realizzazione dal dischetto a rilanciare le speranze di qualificazione.

Lazovic (Verona): L’esterno serbo è uno dei migliori giocatori della formazione scaligera oltre che essere uno degli uomini spogliatoio data la sua longevità in squadra. Le sue giocate sono vitali all’offensiva gialloblù e i suoi tre goal e quattro assist hanno contribuito ai successi che stanno permettendo ai suoi di lottare per rimanere nella categoria. Contro il Lecce sarà un match determinante per le sorti della lotta nei bassifondi e crediamo che l’ex Genoa abbia tutte le intenzioni di essere uno dei protagonisti in positivo dell’incontro.

Vilhena (Salernitana): Il centrocampista dei granata è uno dei riferimenti degli uomini di Paulo Sosa e il suo arrivo in estate era stato accolto con stupore, dato il suo grande passato al Feyenoord. Le attese sul suo conto sono state confermate a pieno e i quattro goal messi a segno fino a questo momento ne sono la prova. Contro l’Empoli avrà occasione di mettersi in mostra e chissà che non riesca a bucare il portiere avversario con uno dei suoi tiri imprevedibili.

 

Attaccanti:

Dzeko (Inter): L’attaccante bosniaco ha risposto presente quando c’è stato bisogno di sostituire l’acciaccato e abbattuto Lukaku e, nonostante l’età avanzante, è riuscito a essere sempre pericoloso contro qualunque avversario. Nell’ultimo match contro il Verona ha ritrovato una fantastica doppietta dopo essere stato fuori a lungo e vorrà sicuramente ripetersi nel prossimo incontro che lo attende. Sarà proprio la Roma, sua ex squadra, la prossima formazione da fronteggiare e crediamo che il Cigno di Sarajevo avrà tutte le intenzioni di fare male ai suoi vecchi compagni e avvicinare un po’ di più i nerazzurri alla qualificazione in Champions.

Dia (Salernitana): L’attaccante senegalese si è reso protagonista di una stagione da assoluto fenomeno, attestandosi come una delle novità più interessanti dell’intero campionato, e nell’ultima partita è riuscito a imporsi con una tripletta. I quindici goal raccolti fino a questo momento sono testimoni della sua fantastica annata e crediamo che non voglia di certo fermarsi qua. Il prossimo incontro con l’Empoli potrebbe essere terreno fertile per continuare ad ammirare la sua abilità e siamo fiduciosi in un suo coinvolgimento nelle reti dei suoi.

Berardi (Sassuolo): L’ala dei neroverdi ha avuto parecchi problemi fisici in questo campionato ma per assurdo sembra che il suo valore percepito sia aumentato vista la sua incisività ogni volta che è riuscito a essere in forma. Sono otto i goal realizzati fino a questo momento e sei le assistenze, in una stagione fatta a metà tra il campo e l’infermeria. Contro il Bologna ci aspettiamo un match spumeggiante e crediamo ci saranno gli spazi necessari per far esplodere il talento del capitano degli emiliani.

Ceesay (Lecce): La punta gambiana si trova in un buon momento di forma in questa seconda parte di stagione e settimana dopo settimana sta convincendo anche i più scettici sul suo valore. Le sei reti messe a segno non sono certo un bottino altisonante ma se si conta che due di esse sono arrivate nelle ultime quattro partite il discorso cambia. Contro il Verona l’obiettivo principale sarà non perdere e chissà che non sia proprio una sua rete a rispedire negli inferi i veneti e far dare una boccata d’ossigeno decisiva ai suoi tifosi.

Andrea Sanna

 

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video