Il Corpo non Mente | Jorge Lorenzo, crisi profonda

Riproduci video

Gli ultimi anni della moto GP, presente compreso, sono stati dominati dal fenomeno Marquez. Unica parentesi che fa eccezione è il 2015, con l’ultimo mondiale (molto discusso) vinto da Jorge Lorenzo con la Yamaha.

Da lì in poi è un monologo di MM93 che già aveva vinto anche nel 2013 e 2014.

In tutto questo contesto spicca (e dispiace) la lunga serie di infortuni occorsa a Lorenzo nell’ultimo anno.

Al secondo e ultimo anno del contratto con la Ducati (2018), oltre ad aver iniziato a vincere alcune gare ha iniziato ad infortunarsi.

Col passaggio alla Honda le cose sono peggiorate:

  1. Frattura della caviglia destra ad Aragon 2018
  2. Frattura del polso sinistro in Thailandia 2018
  3. Frattura dello scafoide sinistro prima dei test di Sepang a gennaio (stesso polso) Operato, salta i test di febbraio con la Honda dopo aver lasciato la Ducati.
  4. Frattura della 1°costola destra in Qatar (marzo 2019)
  5. Botta alla schiena nei test del Montmelò
  6. Frattura di due vertebre (T6-T8) ad Assen (28/06/19)

Alla luce della relazione corpo/mente/spirito che cosa sta succedendo ad un campione come lui?

Di recente lo stesso “Por fuera” ha dichiarato che sta soffrendo molto e che non è felice, niente a che vedere rispetto a quando era in Yamaha o persino in Ducati dove le difficoltà, specie al primo anno, non sono mancate.

Gli infortuni che accusa da un anno circa a questa parte, da un punto di vista psicosomatico, riguardano lo stato di coscienza della sicurezza.

In sostanza ha paura, non ha sufficiente fiducia in sé stesso, le certezze che si è costruito negli anni si stanno sgretolando.

Gli infortuni hanno fiaccato il suo spirito di campione, la competitività e la motivazione.

A questo possiamo aggiungere che non si sente una prima scelta nella Honda (in barba al dream team) e che la pressione che scatena un pilota come Márquez ad un compagno di squadra è enorme (come quando c’era il buon Dani Pedrosa).

E questo anche se ti chiami Lorenzo.

Premesso che non vi è nulla di male ad aver paura e che non siamo qui a giudicare un campione come lui, può risultare molto interessante approfondire le dinamiche che portano un top driver indiscutibile come JL99 ad una parabola del genere.

Perché come sempre e ancora una volta, il corpo non Mente e come ci sentiamo dentro determina ciò che poi viviamo quotidianamente.

Non mi stancherò mai di ripeterlo così come mi è stato insegnato: una persona felice è una persona sana.

Di conseguenza un pilota felice è un pilota sano, che fa ottimi risultati e che ha molti meno infortuni.

Perché? Semplice: i livelli di stress e di tensioni emotive sono inversamente proporzionali alla felicità e alla conseguente forza mentale.

Il corpo non mente. Ah si.. l’ho già detto.

Raffaele Montalto

GP Report

GP Report

GP Report, la testata giornalistica che ti tiene in continuo aggiornamento.

GUARDA ANCHE