Fantacalcio 2023/24 – 18° giornata

Fantacalcio 18° giornata

Nel periodo dell’anno dedicato alle abbuffate, la Serie A non si ferma e scende in campo per la 18° giornata dandovi l’occasione di sgrassare un po’ degli sgarri degli ultimi giorni, almeno con gli occhi. Vediamo quali campioncini sono stati scelti da GP Report per farvi chiudere l’anno nella giusta maniera.

 

Portieri:

Sommer (Inter): L’estremo difensore svizzero si è decisamente dimostrato il portiere più forte di questo girone d’andata e i dodici clean sheet ottenuti in diciassette partite ne sono la prova. Se i nerazzurri sono ancora primi e stanno dominando il torneo è anche grazie alle sue grandi parate e anche contro il Genoa ci aspettiamo l’ennesima sublime prestazione.

Costil (Salernitana): Il portiere dei campani si è giocato bene le sue chance durante l’infortunio di Ochoa e ora si trova a essere uno dei punti di riferimento dei granata. La sua esperienza nella gestione difensiva è invidiabile e in un match fondamentale come quello che lo attende con il Verona potrà essere decisiva per portare a casa dei punti chiave in vista salvezza, contro una formazione con ampie lacune dal punto di vista offensivo.

 

Difensori:

Carlos Augusto (Inter): L’esterno nerazzurro sta avendo qualche possibilità in più nell’ultimo periodo, grazie agli infortuni dei suoi compagni di reparto, e sta mantenendo un rendimento costante e sempre a disposizione di ciò che gli chiede Inzaghi. In questa stagione non ha mai preso un’insufficienza in pagella e contro il Genoa potrebbe trovare il suo secondo bonus stagionale, si spera quello più sostanzioso.

Ruggeri (Atalanta): Il terzino atalantino è stato la rivelazione della Dea in questo campionato, collezionando appena tre insufficienze in sedici presenze e mettendo a referto tre assist. I bonus a ragione del vero sono arrivati tutti nella prima parte di stagione e chissà che un match con tanti spazi come quello che lo attende con il Lecce non possa essere la giusta occasione per tornare a far esultare i suoi fantallenatori.

Calafiori (Bologna): Il centrale degli emiliani si conferma, settimana dopo settimana, la creazione principe del grande lavoro messo in atto da Thiago Motta e la sua abilità nel svolgere un ruolo sconosciuto fino a qualche mese fa lo sta portando sempre più al centro dei riflettori. Contro l’Udinese potrà mettere in pratica un’altra grande prova e per questo ci aspettiamo un’eccellente valutazione a fine partita.

Pellegrini (Lazio): Il terzino biancoceleste non ha avuto tante chance alla corte di Maurizio Sarri ma quando è stato chiamato in causa, si è sempre fatto trovare pronto per la squadra. Nell’ultimo incontro con l’Empoli ha svolto una buona gara e per questo ci sentiamo possa far bene anche nel match casalingo che lo attende con il Frosinone, sperando sempre in un suo cross vincente.

 

Centrocampisti:

Guendozi (Lazio): Il centrocampista biancoceleste si è offerto come il salvatore dei suoi in questa stagione complessa e, nonostante una propensione offensiva non troppo accennata, si è rivelato anche goleador nei momenti che servivano di più. Nell’ultimo match ha aperto le danze e rischiato di segnare anche il secondo e la partita che lo attende con il Frosinone sembrerebbe un ottimo scenario in cui ripetere le gesta della scorsa settimana.

Koopmeiners (Atalanta): Il trequartista olandese è il cuore pulsante della formazione di Gasperini e con la sua qualità risulta spesso essere l’ispiratore delle azioni più offensive dei suoi. La sua posizione più avanzata rispetto al passato lo sta portando a trovarsi spesso in situazioni pericolose e contro una formazione modesta come il Lecce avrà sicuramente più di una chance di portare a casa un bel +3.

Reijnders (Milan): Il centrocampista rossonero è sicuramente uno degli acquisti che ha impattato meglio nel nostro campionato e la sua qualità lo porta spesso a essere uno dei migliori dei suoi. Nonostante sia una mezz’ala, adora spingersi in avanti e colpire e chissà che contro il Sassuolo non possa arrivare la sua terza rete stagionale, vista anche la difesa spesso distratta dei neroverdi.

Ferguson (Bologna): Il capitano degli emiliani è uno dei motori principali dell’ingranaggio bolognese di Thiago Motta, grazie a un’ottima propensione offensiva e a una visione di gioco spesso vincente. Da inizio anno non ha mai preso un’insufficienza in pagella e contro l’Udinese crediamo abbia l’occasione di assicurarsi un altro grandissimo voto, si spera sempre con due cifre.

Candreva (Salernitana): Il trequartista dei campani è stato il faro nella notte dei suoi in tante occasioni e il suo zampino c’è sempre stato nei pochi punti conquistati fino a qui. La sua classe risplende nonostante l’età e in un match chiave per la stagione come quello con il Verona potrà rivelarsi decisiva ai fini del risultato.

 

Attaccanti:

Giroud (Milan): La punta rossonera è il riferimento offensivo che ogni ala d’attacco sogna perché non vive d’egoismo ma lotta e si spende per il bene della squadra, servendo anche qualche assist in più del normale. Nonostante questo, i suoi goal arrivano comunque e contro una difesa approssimativa come quella del Sassuolo, sua prossima avversaria, ci aspettiamo che il dubbio sia solo tra il +1 e il +3.

Zirkzee (Bologna): L’attaccante belga ha stregato e ammaliato tutti i cultori delle giocate tecniche e d’estro e in appena cinque mesi è passato dall’essere considerato un rimpiazzo troppo debole per Arnautovic a essere l’attaccante più desiderato del campionato. Le sue intenzioni sembrano quelle di non fermarsi più e la trasferta con l’Udinese non sembrerebbe un ostacolo tanto insormontabile, vista anche la sua propensione a segnare lontano dalle mura amiche.

Lookman (Atalanta): La seconda punta atalantina sta trovando continuità di prestazioni e risultati dopo i periodi di dormiveglia sonnambula e si sta dimostrando una delle frecce migliori dell’arco offensivo bergamasco. La sua classe gli permette di essere spesso illeggibile e contro una difesa abbordabile come quella salentina ci aspettiamo una sua grande esibizione d’estro.

Castellanos (Lazio): La punta biancoceleste è chiamata ancora una volta a sostituire Re Ciro, che in questa stagione è diventato più un Duca, e siamo sicuri si farà trovare pronto e motivato a sfruttare al massimo l’occasione. Quando ha svolto il ruolo in passato ha fatto benino, collezionando un goal e due assist, ma crediamo che contro il Frosinone possa portare la sua considerazione su tutto un altro livello.

 

Andrea Sanna

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video