Che grinta Elisa Marcello! Argento e bronzo ai Tricolori indoor sui 200 e sui 400 Juniores

 

La determinazione e l’eleganza della falcata hanno sempre rappresentato i suoi marchi di fabbrica e, ancora una volta, si sono rivelate due armi preziose nel momento di scendere in pista. Elisa Marcello conquista oggi due ottime medaglie ai Tricolori Juniores indoor ad Ancona, facendo suo l’argento sui 200 in 24’’55 – nella gara vinta da Alice Pagliarini (Fiamme Gialle) in 24’’10 – e il bronzo sui 400 in 56’’13 alle spalle di Valentina Vaccari (Atl. Bergamo) prima in 54’’78 ed Elena Cambiolo (Atl. San Bonifacio-Valdalpone) seconda in 56’’09. Il tutto a distanza di un’ora e mezza tra le due gare, a cui si aggiungono anche i turni sulle gambe delle batterie.

Doppio impegno

La portacolori dell’Atletica Valeria, 17 anni, seguita dall’esperto tecnico Andrea Sole si presenta ai blocchi di partenza dei 400 alle 13.30 in punto con il quarto accredito, dopo aver corso agilmente in qualificazione con il tempo di 56’’92. Pettorale 40 per lei, corsia 4, sorriso in volto, un saluto al pubblico quando viene annunciata dallo speaker. I primi 150 metri si corrono in corsia poi si va alla corda e subito la Marcello si colloca in seconda posizione, la sua corsa è ampia, tallona la Vaccari con personalità e sino agli ultimi 20 metri è seconda per poi pagare sul finale la fatica cedendo così la seconda piazza. Nonostante ciò, la talentuosa sprinter non si perde certo d’animo e si ripresenta sui blocchi alle 15 per la finale dei 200 dove si qualifica con il secondo tempo di accredito. Il sorriso non manca così come la consapevolezza di poter fare bene: la Marcello corre in corsia 5, pettorale 84: si sistema sui blocchi, sguardo proiettato davanti a sé, la partenza è decisa, i passi rapidi, la Pagliarini domina sin dall’inizio ma la velocista isolana è brava nel tenere la seconda posizione distendendosi bene in curva per poi mantenere un ottimo assetto nel rettilineo concludendo la sua prova al secondo posto, laureandosi vice campionessa italiana. Al termine della gara la gioia per i risultati ottenuti ha la meglio sulla stanchezza: Elisa si avvicina alla nuova campionessa italiana Alice Pagliarini e si abbracciano affettuosamente, dimostrando che lo sport senza rispetto e solidarietà è ben poca cosa. Un gesto importante da cui trarre insegnamento.

Soddisfazione

«Sapevo di potermi giocare delle buone carte e queste due medaglie ne sono la dimostrazione. Insieme al mio tecnico volevamo uscire dalla nostra comfort zone e rischiare, provando due finali nella stessa giornata e i risultati sono stati lusinghieri». Elisa Marcello parla con tono pacato e sereno, stringe in mano le due medaglie conquistate con tenacia e analizza quanto realizzato. «In batteria sui 400 ho corso senza forzare eccessivamente, così da preservare le forze, mentre nelle qualificazioni dei 200 ho premuto più sull’acceleratore. In finale sui 400 sentivo un po’ di tensione e le gambe appesantite ma sono riuscita a gestire il tutto. Dopo i 400 la stanchezza si sentiva, chiaramente, ma ho mantenuto la concentrazione e quando sono scesa di nuovo in pista sentivo che le gambe rispondevano bene. Mi ritengo soddisfatta, salire sul podio ai Tricolori è sempre una bella soddisfazione e mi dà morale per il futuro». Un futuro da costruire passo dopo passo con il tecnico Andrea Sole anche lui soddisfatto di quanto ottenuto.  «Ci piace rischiare e mettersi in gioco, Elisa è giovanissima e deve sperimentare tutte le distanze in differenti circostanze. Sapevamo di stare bene e di poter dire la nostra e così è stato. Le indoor sono per noi un momento di passaggio, l’obiettivo principale della stagione sarà la qualificazione ai Mondiali Under 20 che si terranno ad Agosto in Perù a Lima. Adesso pensiamo a recuperare le energie profuse e poi riprenderemo ad allenarci con impegno e dedizione».

Sotgiu sfiora il podio

Le soddisfazioni per l’atletica sarda non terminano qui: ottima prova anche per una Maria Paola Sotgiu in costante crescita che nella distanza prediletta degli 800 conclude al quarto posto tra le Juniores con il tempo di 2’13’’07. La portacolori della Ichnos Sassari, seguita dal compaesano di Alà dei Sardi Alberto Contu, corre attentamente e imposta una tattica di gara accorta: sa di poter competere con le migliori e, al contempo, è consapevole di dover dosare le energie. Si mantiene in quinta posizione per circa cinquecento metri per poi recuperare una posizione e collocarsi così ai piedi del  podio in una gara di bel contenuto tecnico vinta da Gloria Ngalula Kabangu (Acsi Italia Atletica) in 2’09’’41.

Spedizione sarda

Gli altri atleti della spedizione sarda impegnati in questa due giorni dei Tricolori Under 20 e Under 23, cominciata ieri e che termina oggi, si sono ben comportati portando a casa un bagaglio di esperienza notevole che sarà fondamentale per la loro crescita e le loro gare future:  sui 60 Juniores maschili 14º Pietro Ceccatelli (Amsicora) in 7’’05 e 36º Daniele Bianco (Atl. Oristano) in 7’’27, sui 60 Hs Promesse maschili decimo Leonardo Porcu (Atl. Riccardi Milano) in 8’’33 e 12º Maurizio Cabras (Atl. Oristano) in 8’’36, sui 60 Juniores femminili ottimo nono posto per Emma Manconi (Ichnos) in 7’’73, le atlete del giovane tecnico Daniele Desogus, portacolori del Cus Cagliari, Silvia Aru e Gaia Ligas sono rispettivamente 26ª in 9’’29 sui 60hs e 28ª sui 60 piani in 8’’00, sempre per il Cus Cagliari buon undicesimo posto sui 3000 Juniores nella marcia per Valentina Pedditzi in 15’23’’12. Sui 60hs Promesse femminili ottime prestazioni per Federica Loi: la portacolori della Cagliari Atletica Leggera, dopo aver corso in maniera performante la batteria e la semifinale, agguanta la finale delle migliori concludendo in ottava posizione con il tempo di 8’’91.

Picture of Mattia Lasio

Mattia Lasio

Mattia Lasio è un funambolo della parola. Si alterna tra prosa, rime, articoli, racconti e molto altro che presto sarà chiaro. Cagliaritano classe 1995, si occupa di sport, cultura, spettacoli con gli occhi ben aperti su una quotidianità buffa che racchiude mille storie, apparentemente, celate.

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video