Roberto Pregadio – L’anima musicale della corrida

Nato ad Aci Sant’Antonio, in provincia di Catania e salito agli onori della cronaca – e nel cuore di generazioni di spettatori – per la sua quarantennale collaborazione con Corrado Mantoni e la sua “Corrida”.

Compositore, Direttore d’orchestra e spalla perfetta di Corrado, Roberto Pregadio muove i suoi primi passi musicali diplomandosi al Conservatorio di Napoli.   Nel 1960 diviene pianista stabile nell’Orchestra di Musica Leggera della Rai.  È il preludio ad una carriera che rispecchierà appieno il carattere del Maestro: pacata, delicata, con un aplomb ed una classe rara.

Dalla seconda metà degli anni Sessanta, il Maestro Pregadio scrive e dirige diverse colonne sonore di film di genere, in buona parte misconosciute. La Radio lo attira e Corrado Mantoni lo prende con sé.

LA CORRIDA DI CORRADO (E DEL MAESTRO PREGADIO)

L’anno è il 1968 e la “Corrida” prende il via nella sua versione radiofonica. Tra Corrado ed il Maestro c’è un feeling incredibile e le battute, sempre educate e mai volgari – conquistano il pubblico.

Negli anni Ottanta, le sirene di Fininvest e di Silvio Berlusconi chiamano e la “Corrida” approda in Tv. Il Maestro e Corrado sono il simbolo di un umorismo ed una regalità, di un’eleganza dietro a tante risate offerte agli spettatori, oltre che anime di un format geniale.

Con la scomparsa di Corrado Mantoni nel 1997, la “Corrida” viene sospesa per alcuni anni. Anni in cui Roberto Pregadio continua la sua attività, ricevendo riconoscimenti ed onorificenze per il suo lavoro, come il Trofeo alla carriera del 2003.

L’anno prima, nel 2002, Marina Donati, vedova di Corrado ed autrice del format, rilancia la “Corrida”, scegliendo come nuovo conduttore Gerry Scotti. Accanto al nuovo padrone di casa, c’è lui, il canuto ed affabile Maestro Pregadio.

Il suo ruolo continuerà sino al 2009, quando la produzione decide di assegnare il ruolo di Direttore d’Orchestra al Maestro Vince Tempera, relegando Roberto Pregadio al ruolo di Direttore Straordinario.

Il Maestro siculo non ci sta. Con l’eleganza che lo contraddistingue, manifesta il suo disappunto ed abbandona la trasmissione che lo ha accompagnato lungo quarant’anni di carriera, nonostante le richieste e gli appelli di molti, Scotti in primis.

L’anno successivo, il 15 novembre 2010, Roberto Pregadio viene a mancare, all’età di 81 anni.

Con lui, scompare un modo di fare televisione pacato, educato, gentile, cortese. Con lui scompare il Direttore d’Orchestra compagno di tante risate e creatore di arrangiamenti raffinati.

Con lui – concedetemi questo pensiero – scompare la vera “Corrida”, quella che chiamavi “LaCorridadiCorrado”, tutto d’un fiato.

A. b. C. Alberto Caboni

A. b. C. Alberto Caboni

Nato l’anno dopo il trionfo del Mundial Spagnolo nella millenaria città di Cagliari, muove i suoi primi passi con una penna in mano, alla ricerca costante di fogli bianchi da riempire di lettere, parole, periodi, paragrafi. Dietro l’acronimo-pseudonimo si nasconde un essere senza volto (o quasi).

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video