Carla Fracci – La Divina

Si è spenta da poco più di un anno ma una delle più grandi ballerine italiane conosciute in tutto il mondo resterà sempre tra i ricordi di tutti. Lei, Carla Fracci, dalla corporatura minuta ma di una grandezza di stile disarmante.

Nata a Milano, il 20 agosto 1936, è stata considerata dal New York times nel 1981 la prima étoile in assoluto. Inizio a studiare danza classica nel 1946, all’età di 10 anni, presso la scuola di ballo del Teatro alla Scala. Diplomata nel 1954, due anni dopo iniziò a danzare da solista e nel 1958 divenne prima ballerina.

La notorietà artistica di Carla Fracci rimane perlopiù legata alle interpretazioni dei ruoli romantici come Giulietta, Swanilda, Francesca da Rimini, o Giselle. Regista delle sue interpretazioni è suo marito, il suo compagno di vita, Beppe Menegatti.

Oltre ad aver danzato con tantissimi ballerini, tra questi Roberto Bolle, nel 1982 fu la protagonista di una fiction televisiva: comparve infatti nello sceneggiato Rai, diretto da Renato Castellani, Verdi, dove interpretò il ruolo di Giuseppina Strepponi, soprano e seconda moglie del compositore.

Diventata un’icona del balletto, la sua è stata una vita quasi sempre in punta di piedi. Da sempre con eleganza è riuscita ad avvicinare alla danza moltissime persone. Donna sensibile e raffinata come poche.

Ha mantenuto la dignità e la riservatezza fino all’ultimo momento, quando il 27 maggio 2021 ha lasciato la vita terrena, stroncata da un tumore che ha saputo gestire con grande coraggio.

 

Vanessa Amico

Vanessa Amico

Siciliana doc, classe 1990, amante di esplorare posti nuovi, curiosa di tutto ciò che mi circonda, ho fatto di questo difetto (forse) il mio più grande pregio: amo scrivere, adoro raccontare. Oltre che collaborare per il periodico GpReport.it, scrivo per il blog di una web radio e per il quotidiano La Sicilia.

GUARDA ANCHE

Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video
Riproduci video